Bobi Bazlen. L'ombra di Trieste

immagine copertina Bobi Bazlen. L'ombra di Trieste
Cristina Battocletti

Quando Bobi andava al caffè Garibaldi, spesso si sedeva vicino a Saba, entrando nella cerchia dei suoi lettori d'elezione con i quali egli testava i versi composti e cui poi dedicò il Canzoniere del 1921: gli amici dei "beati caffeucci" (...) Bobi cominciò presto a frequentare assiduamente casa Saba in via Crispi, con scopi non proprio letterari, ovvero per corteggiare la figlia del poeta, Linuccia, di otto anni più giovane di lui. Era una ragazzina pallida, magra, con i grandi occhi chiari sgranati e un po' sporgenti, per molti versi simile al padre. Gerti, la immortalò in una delle sue fotografie con lo sguardo sorpreso e mesto, i capelli corvini e ricci come lanugine lasciati liberi a raggiera nonostante lei si ostinasse a lisciarli. Quella ragazzina dal naso lungo e priva di particolare bellezza esercitava però sui suoi coetanei un fascino fatto di imprevedibilità, mistero, capriccio. O di vertigine, dovuta al rapporto ossessivo e malato con il padre.

Dono alla biblioteca dell'Associazione Culturale "La Maria del porto" in occasione della XVI edizione de "I Dialoghi di Trani" intitolata "Bellezza"

Editore
La nave di Teseo
Inserito