Il pianeta dei naufraghi

immagine copertina Il pianeta dei naufraghi
Serge Latouche
I resti del grande banchetto dello sviluppo sono disseminati dappertutto nel mondo globalizzato. Il bilancio delle vittime è aggiornato a ogni ora. Serge Latouche è stato tra i pochissimi a prevedere un esito del genere quando sembrava che la crescita potesse essere illimitata. Doti di chiaroveggenza? No, piuttosto un modo stringente di analizzare la logica produttivistica e le sue conseguenze nefaste: non storture occasionali o incidenti di percorso, come viene predicato dagli esperti a malpartito, ma esiti necessari di un’economia di catastrofe che ormai ci presenta il conto. Dono alla biblioteca dell'Associazione Culturale "La Maria del porto" in occasione della XVI edizione de "I Dialoghi di Trani" intitolata "Bellezza"
Editore
Bollati Boringhieri
Inserito