Incontro scientifico: La scienza che vede lontano … anche quando non guarda. L'imaging quantistico

locandina La scienza che vede lontano … anche quando non guarda

Venerdì 10 novembre alle ore 18:00, nella sala "Ronchi", si terrà l'incontro scientifico dal titolo La scienza che vede lontano … anche quando non guarda. L'imaging quantistico. Promosso dall'Assessorato alle Culture in collaborazione con l'Associazione Didafisica, il Centro Interuniversitario Seminario di Storia della Scienza e il Dipartimento Interateneo di Fisica "Michelangelo Merlin" dell'Università di Bari. Il seminario illustrerà un'applicazione della “misteriosa” meccanica quantistica agli oggetti di tutti i giorni: le fotografie. In particolare, sarà presentata una innovativa procedura nell'ambito della fotografia detta “plenottica” che permette l'acquisizione di immagini tridimensionali e la rifocalizzazione di immagini sfocate. Le attuali fotocamere plenottiche, infatti, sono penalizzate da una bassa risoluzione dell'immagine, dovuta all'intrinseco limite che lega risoluzione dell'immagine e la massima profondità di messa a fuoco ottenibile. Ma una recente ricerca - condotta dai proff. Milena D'Angelo e Augusto Garuccio del Gruppo di Ottica Quantistica del Dipartimento di Fisica di Bari in collaborazione con il dott. Francesco V. Pepe, ricercatore del Centro Studi e Ricerche “Enrico Fermi” di Roma e con il prof. Giuliano Scarcelli, direttore del Fischell Department of Bioengineering dell'Università del Maryland a College Park – ha dimostrato che è possibile superare questo limite della fotografia plenottica, producendo immagini ad elevata risoluzione e grande profondità di messa a fuoco. Si tratta di un'innovazione ad elevato impatto, che potrà trasformare radicalmente la modalità di fare fotografia, microscopia, stereoscopia, imaging 3D. Per questo la prestigiosa rivista scientifica PHYSICAL REVIEW LETTERS, su cui è stato pubblicato il lavoro scientifico, ha dedicato a tale ricerca la copertina del numero di giugno dello scorso anno. Per illustrare e chiarire la fisica alla base di questi fenomeni, la prof.ssa D'Angelo seguirà un approccio storico, partendo da alcuni esperimenti condotti negli anni '50 e ripercorrendo le tappe essenziali dell'intenso dibattito sfociato nella nascita dell'ottica quantistica e delle sue applicazioni, molte delle quali appaiono davvero spettacolari. L'incontro è anche il contribuito dell'Associazione Didafisica alla Giornata Mondiale della Scienza per la Pace e lo Sviluppo, proclamata nel 2001 dall'UNESCO, che si celebra ogni anno il 10 novembre proprio per riflettere su come la scienza e tecnologia contribuiscono alla pace e allo sviluppo.